Pastello Revolution by Neve Cosmetics | Quando un brand rifà il vestito ad un suo prodotto iconico

15:55

Se parliamo di Neve Cosmetics la prima cosa che mi viene in mente è il boom degli anni in cui per la prima volta si sentiva parlare di trucco minerale in Italia, dopo che Guess what? la moda era spopolata negli USA.

Un brand ormai conosciuto dai tutti, che propone prodotti di qualità a prezzi contenuti e soprattutto con un totale rispetto dell'ambiente e del mondo che ci circonda, con una selezione vastissima di matite occhi, labbra, ombretti, rossetti, eye-liner e tutto ciò che serve per realizzare makeup dai più semplici ai più strutturati.


Un brand famoso anche per la grande quantità di prodotti che lancia durante tutto l'anno, quasi senza sosta, lasciando i clienti più fedeli in un'attesa curiosa sul prossimo prodotto o la prossima collezione proposta.


Ed è proprio ultimamente che Neve Cosmetics, con la Pastello Revolution ha fatto il restyling totale di uno dei suoi prodotti iconici, tra i top di gamma, ovvero le Pastello, biomatite proposte nella variante occhi e labbra.


Il cambio look parte dall'aspetto esterno, infatti, il vecchio pack color legno lascia spazio al colore del corpo matita che richiama la mina interna, permettendo così di riconoscerla a colpo d'occhio ed individuarne facilmente la tonalità.
A parte la distinzione del fusto, anche il cappuccio è differenziato in base all'utilizzo: rosa cipria per le Pastello Precise Lipstick, destinate alle labbra e taupe satinato per le Pastello Kajal Eyeliner, versione per gli occhi.

Il cambiamento fondamentale però riguarda la formulazione infatti già le ultime collezioni avevano visto delle matite più scriventi, sfumabili e long lasting rispetto alle veterane ed adesso tutta la gamma Pastello è stata così riformulata.


Scendendo più nello specifico, ecco quelle che ho avuto l'opportunità di provare e qualche confronto con le matite già in mio possesso.

Da sinistra: Orchidea, Cappuccino, Miele, Ballerina, Teatro, Sfilata e Vino

Utilizzo le pastello labbra da diverso tempo e, oltre ad averle sempre utilizzate come matita per contornare le labbra, di frequente le applico direttamente come un rossetto. La durata era già ottima ma con la nuova formulazione lo è ancora di più: ovviamente non è un rossetto lunga tenuta e quindi mangiando il colore si toglie, ma lo fa in maniera uniforme e lasciando una leggero colorito alle labbra che, specie sulle mie poco pigmentate, non guasta. Sono inoltre più cremose e scorrevoli, quindi facili da applicare e davvero confortevoli.
Da sinistra: Sfilata, Vino, Teatro, Cappuccino, Miele, Ballerina e Sfilata.

I colori sono pieni e vibranti, intensi già dalla prima passata, senza bisogno di insistere o di tirare troppo il prodotto esercitando una forte pressione, come spesso accade con altre matite labbra. La gamma colori spazia da tonalità più scure ed accese ad una vasta selezione di nude adatti ad ogni tipo di pelle. 
Le mie preferite? Vino, Miele e Ballerina!
Se le Pastello labbra sono sempre state amate da tutti, diverso è il caso delle Pastello Occhi, i cui difetti venivano spesso evidenziati da consumatori non soddisfatti della resa del prodotto, che tendeva a non essere a lunga durata.

La nuova formulazione invece riesce a coniugare performance con ecobio, creando così una matita occhi perfetta come base trucco, per fissare le polveri e creare trucchi occhi più elaborati. Sono molto più scriventi, morbide ma non in maniera eccessiva e anche nella rima interna colorano subito senza bisogno di ripassare più volte e senza portarsi via il prodotto. 
La mia palpebra, oleosa e con la parte mobile non troppo pronunciata, riesce ad utilizzarle come eye-liner solo fissandole con le polveri, cosa che però succede con qualsiasi matita occhi, anche le waterproof. 
Da sinistra: Liquirizia, Pioggia, Terra , Vanità, Petrolio, Corona, Gioia

Il mio utilizzo preferito? Come base cremosa per rendere più intensi, brillanti e duraturi i vari makeup occhi! 
In linea di massima tutte le matite risultano leggermente modificate nel colore (in alto la vecchia versione, in basso la nuova formulazione), ma la differenza è davvero lieve: la percentuale di bianco è maggiore e le rende appena più chiare e brillanti. Il cambio di colore è più evidente in Orchidea, che diventa più accesa, con una punta di fucsia più accentuata.

L'unica su cui nutro qualche dubbio è Liquirizia, di cui preferivo la vecchia versione, più omogenea e scorrevole, mentre trovo che la nuova versione necessiti di più passate per arrivare ad un'intensità del colore piena e corposa, fermo restando che effettivamente la formulazione risulta più a lunga tenuta, specie per quanto riguarda l'utilizzo nella rima interna dell'occhio.
Ciò che non cambia però, sono il prezzo, il formato, le colorazioni e l'attenzione e la cura che Neve Cosmetics dedica alla scelta di ingredienti vegani e Made in Italy.
SalvaSalva

You Might Also Like

0 commenti

✎ Grazie per i vostri commenti! ✎ ❤